Lunga vita alla stampante

Nonostante la tendenza a livello globale di ridurre il cartaceo per mezzo dell’avvento del digitale,  una recente ricerca di IDC(International Data Corporation) mostra come per la fine del 2015 il volume di pagine stampate nel solo mercato USA arriverà a quota 1200 miliardi.

Sono le stampanti multifunzione (MFP – MultiFunction Printer) a rubare la scena: secondo i dati raccolti da IDC, entro la fine del 2015, il volume di pagine stampate da questa categoria di dispositivi sarà superiore a 857 miliardi. Il passaggio alle multifunzione, rappresenta una tendenza fondamentale del settore, che continuerà per l’immediato futuro. Gli utenti apprezzano molto la flessibilità offerta da questo tipo di prodotto che permette di sopperire a  fotocopiatrice ,scanner, stampante e fax, tutto in una macchina .

Un altro cambiamento chiave è rappresentato dal passaggio dalle soluzioni di stampa monocromatiche verso le soluzioni a colori. Tuttavia, anche con una prevista crescita del volume di stampa da parte di soluzioni laser a colori ,le stampanti monocromatiche restano il colosso del settore, con un volume di 799,9 miliardi di pagine previsto per il 2015.

Tra le varie tecnologie di  stampa, (leser, inkjet,  thermal transfer ribbon, aghi, sublimazione, solid ink)  quella a getto d’inchiostro, resta la più diffusa. Il basso costo e la grande versatilità di queste  periferiche, determina una costante crescita delle vendite soprattutto in ambito domestico.

La stampa avviene mediante il passaggio dell’inchiostro attraverso la testina,costituita da numerosi fori microscopici. E’ importante sapere, al fine di preservarla,  che la stampante inkjet  necessita di molta manutenzione. Infatti il 90% di esse viene rottamato a causa della prolungata inattività.

Ma perché questo accade?

E’ molto semplice.

L’inchiostro è costituito dal colorante(pigmenti) e dal veicolo(acqua). Il poco utilizzo, facilita l’essiccamento del veicolo, specialmente nel periodo estivo. Ciò comporta l’ incrostazione del colorante, sui filtri e negli ugelli della testina con  conseguente stampa striata. Negli imprevisti meno gravi,con una pulizia, effettuata attraverso il software in dotazione alla stampante,si riesce a riprendere la qualità grafica ma in caso contrario essa è irrecuperabile. Il costo della riparazione, in proporzione al prezzo d’acquisto, è molto alto e pertanto si avrà la rottamazione del prodotto.

Per avere una multifunzione o printer inkjet sempre efficiente nel tempo è importante :

usare la stampante con frequenza,soprattutto con il colore.

sostituire la cartuccia  prima che essa finisca, in modo da evitare il formarsi di bolle d’aria.

togliere la cartuccia scarica solo quando si è muniti di quella nuova.

non buttare la cartuccia nell’ indifferenziato ma in appositi siti di smaltimento, oppure rigenerare il supporto esausto.

Per quanto concerne la stampante laser, il principio di funzionamento è completamente diverso. La stampa in questo caso avviene mediante il passaggio di  una polvere sottilissima, ovvero il toner, attraverso due rulli chiamati pressore e fusore. La polvere viene sciolta e pressata sul foglio. Non necessita di particolare manutenzione. L’unico punto in comune con la inkjet è il numero 4.

Questi consigli servono  sia per evitare spese inutili ma soprattutto, per salvaguardare l’ambiente. Cerchiamo di consumare meno risorse e d’immettere meno rifiuti nel mondo, altrimenti prima o poi il nostro pianeta rifiuterà noi.

 

Lascia un commento